20200802 ♦ Bulgaria ♦ dal 2 al 8 agosto 2020

“Bulgaria” 2/8 agosto 2020 - Alla scoperta del paese delle rose -7 giorni/6 notti

Bulgaria

 

Capogita > Lucia Maulà 340 5919673 Viaggio A/R> aereo Posti> 25

 

Attenzione: per usufruire dei migliori servizi le prenotazioni si aprono il 25 febbraio e si chiudono il 3 marzo


Orari dei voli consigliati A/R Bologna-Sofia:

  • 2/8 parte da BO 7.40 arrivo a Sofia 12.45 con scalo a Vienna
  • 8/8 parte da Sofia 18.35 arrivo a BO 21.45 con scalo a Vienna
Possibile acquisto collettivo presso Frigerio Viaggi sig. Barbara Mezzetti tel 051 5282612, via Riva Reno 6/D se aderite al momento della prenotazione

Programma:

G 1 – SOFIA – arrivo e scoperta della capitale Sarete accolti all’aeroporto di Sofia e accomodati nel vostro albergo. Il pomeriggio sarà dedicato alla scoperta della capitale. Avrete l’opportunità di vedere la Cattedrale ortodossa, Alexander Nevski e la collezione incomparabile di icone nella cripta (risalente al 9 ° al 19 ° secolo), la Chiesa Russa di San Nicola, la Rotonda di San Giorgio, la Basilica di Santa Sofia, la chiesa Santa Petka, il parlamento, Banja Basi (una CATTEDRALE ALEXANDER NEVSKI – SOFIA moschea costruita nel 1576) e altri. Entrate nei siti seguenti: Cripta di St Aleksander Nevski

G 2 – SOFIA – SAPAREVA BANIA/BELCHIN BANI Nella periferia di Sofia potrete visitare il Museo Nazionale di Storia situato nella residenza dell’ex leader comunista Todor Zhivkov. La visita guidata sarà un’introduzione nella storia bulgara che vi preparerà per il seguito del viaggio. Gli oggetti più preziosi sono del tesoro della Tracia trovato a Panagyurishte. A fianco potrete ammirare un sito importante per la cultura e la religione bulgara, la chiesa di Boyana, patrimonio dell’UNESCO per la sua collezione d’icone medievali, la più antica dei Balcani, è una visita per gli appassionati..Il pomeriggio lascerete la capitale per il Sud del paese. In questa zona famosa per le cure termali farete una piacevole breve passeggiata verso le vestigia di Tsari Mali grad, prima di essere accolti nel vostro albergo. Entrate nei siti seguenti: Museo Nazionale di Storia Chiesa di Boyana, IL MUSEO NAZIONALE DI STORIA - SOFIA

G 3 – SAPAREVA BANIA/BELCHIN BANI> I SETTE LAGHI DI RILA>MONASTERO DI RILA > BANSKO Dopo colazione partirete per il parco nazionale di Rila. E’ il più grande in Bulgaria e copre 81.046 ettari. Rila è la più alta catena montuosa dei Balcani il cui picco Moussala raggiunge 2925 m. Più di 120 laghi con acque azzurre si trovano nel parco cristale dai quali 70 dell'era glaciale. Si tratta di un vero e proprio paradiso per gli esploratori della natura. Potrete immergervi in questa magnifica montagna attraverso uno dei siti più imponenti naturali della penisola balcanica: i Sette laghi di Rila, un luogo incantato che attrae non solo il bulgaro, ma anche molti visitatori stranieri. I sette laghi di origine glaciale sono ai piedi della cima del Damga, a nord est della catena montuosa di Rila. Si trovano in una vasta zona, disposti in scalinate e circondati dalle cime Suhi Chal, e Otovishki Haramiyata. Ogni lago ha il suo nome per la sua forma e funzionalità. Salzata, che significa "La lacrima", è il lago di altitudine più grande (2535 m), ai piedi del picco Otovishki, chiamato così per le sue acque cristalline. Il prossimo lago è chiamato Babreka ("Il rene"), circondato da tutti i lati da ripide scogliere. Segue Okoto ("L’occhio"): con i suoi 37,5 m di profondità, è il lago più profondo dei sette, in forma ovale particolare, e il suo colore blu profondo affascina i visitatori. Il sentiero conduce al Lago di Trilistnika ("I tre fogli") e alle rive del lago di Ribno ezero ("Fish Lake") dove i turisti troveranno la casetta dei Sette Laghi. Poi la discesa arriva verso il lago Bliznaka, il cui nome significa "Il gemello", annidato nel cuore di una zona arida, si divide in due piscine più piccole unite la cui forma ricorda quella di una clessidra, da cui prende il suo nome. Dislivello positivo /M/ +600 m. Dislivello negativo /D/ - 600 m. Durata /T/ - 4h. 30 Difficoltà - livello II Il pomeriggio visiterete altro luogo famosissimo, stavolta religioso, il monastero di Rila, simbolo emblematico dell'ortodossia bulgara, protetto dall'UNESCO per la qualità delle sue icone, la sua architettura e la sua storia . Il monastero si trova sulla riva destra del fiume Rilska nel parco nazionale di Rila. Occupa una superficie di 8800 mq, divisa in 4 sezioni corrispondenti ai quattro punti cardinali che ospitano 300 cellule di monaci.

G4 – BANSKO >LESHTEN > KOVACHEVITSA > SHIROKA LAKA /DEVIN Dopo colazione partirete per un cammino che vi porterà al paese di Skrebatno. Dislivello positivo /M/ +450 m. Dislivello negativo /D/ - 550 m- Durata /T/ - 3h. 30 - 4h. 00 - Difficoltà - livello II. Visiterete il piccolo villaggio di Kovachevitsa che fa parte di quelli ancora risparmiati dal turismo. Il villaggio vi aiuterà a scoprire la vita del 19 ° secolo, con la sensazione che il tempo si è fermato lì. Situato lungo il fiume Kanina, la sua esistenza risale ai primi anni del 17 ° secolo; dei bulgari che fuggivano dall’islamizzazione forzata dei turchi vi si sono stabiliti. Oggi conserva ancora l'atmosfera del passato grazie alle sue case con bellissimi tetti in ardesia e architettura "fortificata". Il quadro è di bellezza eccezionale. KOVACHEVITSA > Nel pomeriggio esplorerete il sentiero Struilitsa Kaleto Lakata, che fa parte della zona ricreativa di Struilitsa, nota per le piscine all'aperto, i bagni di vapore, la sauna e jacuzzi. Il sentiero Struilitsa Kaleto Lakata conduce alle Cappelle di San Giorgio e Sant'Elia. La valle del Devin, che corre lungo il sentiero, è una valle protetta, particolarmente apprezzata dai turisti che vengono a camminare lungo il sentiero, per godersi la natura incontaminata e vedere le magnifiche cascate. Il sentiero è diviso in due passeggiate. La prima porta attraverso una serie di ponti e non presenta particolari difficoltà, in alternativa è possibile scalare la collina per ammirare le rovine di una piccola cittadella. Dislivello positivo /M/ +400 m. Dislivello negativo /D/ - 400 m. Durata /T/ - 1h. 30 - 2h. Difficoltà - livello I et II se si sceglie la salita dalla collina. Visiterete il villaggio di Shiroka Laka (riserva architettonica), conosciuto non solo in Bulgaria, ma anche all'estero, con la sua architettura originale, tipica della regione Rodopi, le sue tradizioni e il suo ricco passato musicale. Questo villaggio è il centro di una piccola area di cinque villaggi (Stoykite, Guela, e Stikal Solichta), dove la popolazione cristiana si è amalgamata con i musulmani bulgari (islamizzazione della regione Rodopi durante la dominazione ottomana - 17° secolo). Le caratteristiche naturali, l'insicurezza durante il periodo ottomano, la coscienza nazionale del popolo e della prosperità economica si riflettono nell'architettura delle case che sono di tipo "grande casa dei Rodopi". Sono a due piani con vetrate e camini alti in pietra, con muri spessi, le piccole finestre e porte di ferro battuto, scale in legno e una piccola cantina con nascondiglio. Le camere sono arredate con armadi incorporati nelle pareti, cantine, ecc. In mezzo ai cortili si trova di solito una fontana. Tutto è stato creato con gusto e in armonia con la natura. A seconda del numero di partecipanti dormirete a Devin o a Shiroka Laka.

G 5 – SHIROKA LAKA /DEVIN > SMOLYAN >SMYLYAN> SHIROKA LAKA/DEVIN Partirete per un cammino di circa 4 ore per vedere il Canyon delle cascate. Situato nel cuore del parco Sokovcheto comincia all'estremo ovest di Smolyan. Il sentiero è lungo circa 10 km e le viste sono meravigliose. La piccola città di Smolyan si trova nella parte meridionale e centrale della montagna dei Rodopi, a 104 km sud da Plovdiv e 98 km ovest da Kardzhali. La città occupa una grande parte della valle del fiume Cherna. Smolyan è fondata nel 1960 a seguito della fusione di tre grandi distretti Smolyan, Raykovo e Ustovo. La popolazione della città è di circa 32 000 persone. Nel IV - V secolo i Traci dei Rodopi sono convertiti al cristianesimo, un fatto testimoniato dalle numerose basiliche del VII e- IX secolo. Le vecchie case imponenti (nel quartiere Cheshitska) costruite dopo il 1835 meritano una visita. Le cosiddette "doppie case gemelle" sono molto diffuse: si tratta di due case di un muro comune di separazione senza comunicazione funzionale. Dopo pranzo visiterete il villaggio di Smilyan. Seguirà una pausa piacevole di degustazione di latticini in una officina che produce dei formaggi tipici che non si trovano facilmente nel resto del paese. Ritorno a Shiroka Laka/Devin

G 6 – SHIROKA LAKA /DEVIN > I PONTI MIRACOLOSI > PLOVDIV I ponti miracolosi, ancora conosciuti come i ponti di roccia, sono un fenomeno naturale famoso. Si trovano nella valle carsica del fiume Erkupriya nelle montagne dei Rodopi occidentali, a 1450 metri sopra il livello del mare, ai piedi del Monte Golyam Persenk. Le acque impetuose del fiume hanno scavato nel passato il marmo per formare una grotta il cui soffitto si assottiglia nel corso del tempo prima di crollare. Un piccolo sentiero parte dalla strada per portarvi in pochissimo tempo ai piedi dei resti della grotta. Il grande "ponte" è largo 15 metri e lungo 100 metri. E 'decorato con tre archi, di cui la più grande è con una altezza di 45 metri e 40 metri di larghezza. Un ponte più piccolo si trova a 200 metri dopo lungo la corrente del fiume. Nel terzo e ultimo ponte le acque del fiume Erkupriya si perdono per riuscire tre chilometri più in là. Molte leggende locali parlano della creazione dei ponti miracolosi. Secondo la più diffusa, un drago è alle sue origini. Molto tempo fa, il villaggio vicino di Zabardo aveva grandi mandrie che hanno attirato un drago. Tanti anni il paese soffriva dell’appetito insaziabile del drago prima di trovare un modo per sbarazzarsi. Gli abitanti hanno caricato un asino di paglia, l’hanno infiammato e l’hanno spinto verso il drago. Il drago ha ingoiato l'asino senza esitazione. La paglia si è accesa con potenza nel ventre del drago che, impazzito dal dolore, ha cercato una via di fuga. Ha trovato un buco nel terreno dove ha cercato di nascondersi. Il suo corpo enorme ha creato un buco che anni dopo, quando le ossa del drago si sono consumate, fa apparire i ponti ad arco. Dislivello positivo /M/ +300 m. Dislivello negativo /D/ - 150 m. Durata /T/ - 3h.Difficoltà - livello I Dopo pranzo partirete per Plovdiv, capitale europea della cultura 2019.Situata nella pianura della Tracia, sulle rive del Maritza e su sette colli, è il secondo più grande centro urbano per popolazione, per superficie e in quanto centro culturale, storico e turistico. La Vecchia Plovdiv, denominata "riserva architettonica del 18° e 19° secolo" è ammirata da tutti i visitatori. I resti della civiltà tracia si mescolano con monumenti romani, mentre le vecchie moschee turche aggiungono un sapore orientale in una città dove civiltà successive e a volte antagoniste, sono riuscite a combinare il meglio di ciò che avevano da dare alla personalità originale di Plovdiv. Scoprirete l'eccezionale gruppo di case autentiche della rinascenza nazionale della Vecchia Plovdiv, che dà a questa giovane e vivace città il suo fascino unico. Passando per la via pedonale centrale di Principe Alessandro di Battenberg, si possono ammirare le facciate in stile neo- barocco prima di visitare la chiesa dei Santi Costantino ed Elena con le sue icone del maestro Zahari Zograf, Djumay la moschea, l'anfiteatro romano e la vecchia Plovdiv. La casa Lamartine riflette l'attaccamento francese di questa parte dell'Oriente. Ma soprattutto è da vedere il gruppo eccezionale di case della rinascenza nazionale nel "Trimontium" cioè Vecchia Plovdiv, che dà a questa giovane e vivace città il suo fascino unico. Entrata nei siti seguenti: Chiesa dei Santi Constantin e Elena a Plovdiv- Museo etnografico a Plovdiv

G 7 – PLOVDIV > SOFIA - Partenza Partirete per l’aeroporto di Sofia per prendere il vostro volo di ritorno Orari voli A/R comunicati in seguito, possibile acquisto collettivo Frigerio Viaggi sig. Barbara Mezzetti tel 051 5282612, via Riva Reno 6/D


Prenotazione: SOLO martedì 25 febbraio tel. 345 2683937 ore 18/19; dal giorno successivo chiamare il capogita. Prenotazioni chiuse 3 marzo

Quota individuale di prenotazione: € 871,00 da versare acconto € 400,00 entro 7 gg da ok di Gianni, saldo € 471,00 tassativo 18 giugno La quota comprende: Alloggio in hotel a 3 *, in camera doppia, la pensione con cene in ristoranti e osterie tipiche con servizio al tavolo, (antipasto+ piatto principale + dolce + acqua minerale, birra o vino) dalle cena del G 1 alla cena del G 6, pranzi al sacco o in ristoranti tipici, visite e diritti d’entrata dei siti e dei musei menzionati nel programma, una guida di lingua italiana durante tutto il viaggio e una seconda guida per le passeggiate in montagna, trasporto in autobus grande turismo adatto alla misura del gruppo, parcheggio, carburante e spese annesse al trasporto, la quota assicurativa RC infortuni.

La quota non comprende: I voli e le tasse aeroportuali, le bevande ai pranzi di mezzogiorno, la mancia della guida accompagnatore (al vostro giudizio), extra personali, il supplemento camera singola € 170,00 e tutto quanto non incluso alla voce “La quota comprende”

La Bulgaria pur essendo nell'U.E. ha adottato al suo interno una moneta nazionale il LEV Bulgaro 1 lev=0,51 Eur che occorrerà quindi cambiare all'arrivo nel paese per poter comprare acqua o ciò che necessita.

NON SI FANNO PIU’ TESSERE IN LOCO

OBBLIGATORIO: Per tutte le escursioni, biciclettate e culturali: iscrizione centro Pertini/Ancescao, rinnovo tessera dal 1 gennaio 2020, contributo € 8,00 annuali, scarponi in escursione, casco in bici. Da gennaio 2020 la tessera, che include l'assicurazione, si farà unicamente presso il Centro Socioculturale "Pertini". Se si è già in possesso di tessera ANCeSCAO fatta in altro centro è necessario mostrarla al capogita o inviarne copia fronte/retro a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Organizzazione tecnica Balkania tour